Vedi tutti

Ultime recensioni inserite

Il drago verde / Scarlett Thomas

Recensione della redazione di BBRagazzi
Una storia fitta di misteri da svelare, enigmi da risolvere e preziosi libri da salvare. Infatti proprio i libri, sono uno dei perni centrali della narrazione e l’autrice non perde occasione per sottolineare l’importanza che carta, parole e inchiostro hanno nella vita di ogni persona.
E' anche una bella riflessione su alcuni valori come l’amicizia, l’onestà, lo spirito di sacrificio, la riflessione su se stessi e sulle proprie capacità. Tutti personaggi che aiutano la protagonista sono mossi da buone intenzioni e conquistano grazie alla loro genuinità e al coraggio che dimostrano di possedere (pur avendo solo 11 anni). Come in ogni romanzo che si rispetti sono presenti un nemico da sconfiggere e un male da estirpare che si possono combattere solo restando uniti e aiutandosi a vicenda.
Per chi, dopo Harry Potter, non ha trovato nessun fantasy che lo sostituisse degnamente, forse questa trilogia potrebbe colmare la lacuna!
Il fatto che la protagonista sia "femmina" , per me, è decisamente un valore aggiunto.
La trama è fittamente intrecciata, sia dal punto di vista strutturale che per quanto riguarda i contenuti, e la narrazione passa continuamente dal mondo reale e quello fantastico in modo fluido, e a volte, spiazzante.

It's complicated - Danah Boyd

Recensione della redazione BBRagazzi

Per convincere gli adulti, ma anche gli educatori e i formatori, che è importante osservare e capire le dinamiche sociali e aggregative dei giovani, senza banalizzarle e senza pregiudizi; per spiegare che le pratiche on line non sono altra cosa rispetto a quello che i giovani fanno nel mondo reale.
Insomma ragazzi e social, ragazzi e rete è, sì complicato, ma questo libro è davvero chiaro e tratta l'argomento in modo semplice e lineare, alla portata dei più!

Bambole giapponesi / Rumer Godden ; traduzione di Marta Barone

Recensione della Redazione BBRagazzi
E' una storia breve dalla trama lineare eppure con un significato profondo tanto da diventare un picolo romanzo di crescita, una storia quasi magica che Rumer Godden, scrittrice vissuta per molti anni in India, pubblicò nel 1961, ma che risulta essere attualissima nei contenuti: il superamento della diversità, delle paure, delle gelosie,...

Quando Nona, la protagonista di questa storia è costretta ad abbandonare l'India, l'unica realtà che conosce ed in cui si sente al sicuro, e si trasferisce nella fredda ed estranea Inghilterra, prova una fortissima nostalgia di casa, intimorita da tutte quelle novità è bloccata e non riesce a trovare né la voglia né il coraggio di buttarsi e di ripartire. La svolta arriva con due bambole giapponesi, di nome Fiore e Felicità, regalo di una vecchia zia lontana, che riescono a scuotere la ragazzina.
Anche queste due bambole desiderano tantissimo una casa tutta per loro e Nona in qualche modo riesce a capirlo; inizia così, grazie anche al prezioso aiuto del cugino Tom, la costruzione di una casa per bambole, eseguita nel rispetto delle tradizioni giapponesi; la realizzazione della casa, andrà di pari passo con il cambiamento di Nona: sempre più aperta e meno timorosa di avventurarsi nel mondo.

La scatola dei bottoni di Gwendy

Recensione a cura della redazione BBRagazzi

Un libro che racconta la crescita della protagonista Gwendy e della responsabilità che all’improvviso si trova ad affrontare a causa di una scatola dotata di strani poteri donatale da un misterioso individuo.

Così Gwendy impara che la vita non sempre procede in modo tranquillo e perfetto e si ritroverà a fare i conti con l’imprevisto e il mistero.
Penso che di per sé il libro non sia male, ha una trama abbastanza particolare ma scorrevole nella lettura; Trovo, però, che non tutto sia stato spiegato in modo esaustivo, forse per scelta dell’autore, infatti alcune cose rimangono in sospeso, lasciando una sensazione di mancanza.
Nonostante ciò, risulta un libro piacevole e ti invoglia ad arrivare fino alla fine.

La scatola dei bottoni di Gwendy - Stephen King, Richard Chizmar

Recensione della redazione BBRagazzi

Un libro che racconta la crescita della protagonista Gwendy e della responsabilità che all’improvviso si trova ad affrontare a causa di una scatola dotata di strani poteri donatale da un misterioso individuo.
Così Gwendy impara che la vita non sempre procede in modo tranquillo e perfetto e si ritroverà a fare i conti con l’imprevisto e il mistero.
Penso che di per sé il libro non sia male, ha una trama abbastanza particolare ma scorrevole nella lettura; Trovo, però, che non tutto sia stato spiegato in modo esaustivo, forse per scelta dell’autore, infatti alcune cose rimangono in sospeso, lasciando una sensazione di mancanza.
Nonostante ciò, risulta un libro piacevole e ti invoglia ad arrivare fino alla fine.

Vorrei un tempo lento lento / Luigina del Gobbo ; illustrato da Sophie Fatus

Recensione della Redazione BBRagazzi

C’è un tempo frenetico che passa di corsa, e un tempo lento che ci fa apprezzare quello che facciamo e sentiamo. Questa filastrocca delicata e poetica, illustrata dal tratto sensibile di Sophie Fatus, invita bambini e genitori a riappropriarsi dei ritmi lenti della natura, riscoprendo il piacere di fare le cose senza fretta. Per godere appieno di ogni istante, per imparare ad ascoltare e ad ascoltarsi.

Una lenta filastrocca sul tempo del risveglio, giallo come il sole del mattino; il tempo dei giochi assaporato con calma, blu come il colore del cielo, di mille colori come i fiori di campo e i giochi con gli amici, fino al tempo della nanna, rosa come la mano della mamma che culla e accompagna nel sonno.

Un libro sul tempo dei bambini, per imparare, grandi e piccini, ad assaporare ogni attimo della giornata, scandito dai disegni delicati di Sophie Fatus.

Piccole pesti / Manuela Olten

Recensione della Redazione BBRagazzi

Due bambini passano una serata a prendere in giro le bambine, perché sono delle lagne, passano il loro tempo a giocare giocano con le bambole e sono delle fifone, hanno paura di tutto, anche dei fantasmi. Il divertimento cessa quando uno dei due bambini pronuncia la parola “fantasmi”, perché certe paure non fanno distinzione tra maschio o femmina!

Un altro volume della collana “Giralangolo – Sottosopra”, che racconta i maniera divertente che fra bambini e bambine, fra maschi e femmine le differenze non sono poi così tante.

Il bambino tra le pagine / Peter Carnavas

Recensione della Redazione BBRagazzi

Le avventure di un bambino che cresce e dà forma e colore alla sua vita attraverso il gioco e le piccole scoperte di ogni giorno.

Tante sono le domande che si pone. La più importante: “Cosa ci faccio in questa pagina?”. Capirà che non c’è posto migliore al mondo se non quello vicino alle persone amate!

15 cose da non fare con un fratellino o una sorellina / Margaret McAllister ; illustrazioni di Holly Sterling

Recensione della Redazione BBRagazzi

Questo libro elenca ben 15 cose che è meglio non fare con un fratellino piccolo: non farlo giocare con un elefante, per esempio, non appenderlo al filo del bucato,

e poi ancora, non impacchettarlo e spedirlo lontano .

E alla fine, nelle ultime pagine suggerisce alcune cose che si possono fare: coccolarlo, dargli un bacino, e poi la cosa più importante, dargli tanto, tanto amore.

Ehi, questo libro ha appena mangiato il mio cane! / Richard Byrne

Recensione della Redazione BBRagazzi

Mentre Bella stava portando il cane a spasso tra le pagine del libro, succede qualcosa di molto strano, il libro si mangia il suo cane e non solo: il suo amico Ben, il camion dei soccorsi, e pure i vigili del fuoco.

Poco dopo dal libro spunta un biglietto, che spiega come fare per far tornare ogni cosa alla normalità….

Cinder. Cronache lunari

Recensione della Redazione BBRagazzi

La fiaba di Cenerentola, ambientata in un futuro lontanissimo.
Cinder vive con la matrigna Adri e le sue due sorellastre nel Commonwealt Orientale.
Fa il meccanico al mercato di Nuova Pechino, ripara androidi e cyborg ed è la migliore nel suo campo, anche lei è un cyborg, ha una mano e un piede meccanici e un’ interfaccia elettronica attraverso la quale guarda il mondo e gli uomini.
Vive in una società in cui gli uomini considerano quelli come lei esseri inferiori, per questo indossa un lungo paio di guanti per coprire la sua mano meccanica. Del suo passato non ricorda nulla, sa solo che è stata adottata da Lihn Garan molti anni prima, e adesso che lui è morto la sua tutela è passata alla moglie Adri, che la disprezza, perché è un cyborg e perché si sente costretta ad occuparsi di lei.

Un giorno, al mercato, arriva il principe Kai, il futuro imperatore, alla ricerca di Lihn Cinder, il meccanico, perché un androide al quale è molto affezionato ha un guasto che nessuno a palazzo riesce a riparare.
Il principe Kai è molto diverso da come lei si immaginava: è simpatico, gentile e… normale, Cinder sa che, al di là delle apparenze, lui é completamente al di fuori della sua portata, sa che è meglio mantenere le distanze, finire il lavoro, dimostrarsi professionale, eppure non è così semplice ignorare l’attrazione che fin da subito scatta tra loro.

“Vieni al ballo con me (…)
-Ascoltami- disse lei. – Mi dispiace. Mi dispiace veramente. Ma non posso venire al ballo con te. Devi fidarti di me.
Lui abbassò lo sguardo sulla mano guantata aperta sul petto. Cinder indietreggiò, incrociando le braccia.
-Perché ? Perché non ci vuoi venire con me?
Lei sbuffò.- Non è che non ci voglia andare con te, è che non andrò affatto.
-Quindi ci vuoi venire con me.
Cinder fece spallucce. – Non ha importanza. Perché non posso.
-Ma io ho bisogno di te.”

Tito stordito

Recensione della Redazione BBRagazzi

Carlo racconta proprio tutta la storia, più o meno dall’inizio. Per come la vede lui. E secondo lui è andata così. In classe c’era questo tipo, Tito, che credeva a qualsiasi cosa. Naturale che i tipi più in gamba – Carlo, appunto, e i gemelli Mino e Lele – gli facessero un sacco di scherzi! Non cose brutte, solo per ridere… Come farlo alzare in piena lezione per andare a vedere una giraffa dalla finestra, oppure appiccicargli un ordigno scova-monete fasullo… che invece funziona, e magari ci scappa il tesoro…

Tito Lope, bambino intelligente ma ingenuo, sembra proprio il bersaglio perfetto per tutti i suoi compagni, ma soprattutto per la ”banda” capeggiata da Carlo e composta anche dai gemelli Mino e Lele. Dopo una serie di vicissitudini (e una rissa!), finalmente i tre bulli scopriranno sulla loro pelle la grande e astuta rivincita architettata da Tito ”Stordito” nei loro confronti… Elemento davvero interessante: la storia è raccontata da Carlo, il bulletto…!

“Di scherzi come quello della giraffa (e anche più cattivi) gliene abbiamo fatti a centinaia, durante i primi mesi di scuola. E tutti rigorosamente diversi, perchè questo per noi era un punto d’onore. (…)

Ma basta così, perchè a ripensarci adesso mi vergogno.

Allora non mi vergognavo mica. Quel Tito era un credulone di prima categoria e se li meritava proprio i nostri scherzi; non mi è mai venuto il dubbio di fare qualcosa di sbagliato.”

Lupo in versi / Eva Rasano

Recensione della Redazione BBRagazzi

Un simpatico Lupo che fa i versi, per bambini molto piccoli che iniziano a esprimere stupore, meraviglia, ma anche disdetta e rabbia attraverso le prime sillabe.Ohhhh, ninoninoni, grrrr, lalalalala.

Scene quotidiane e vissute per il nostro amico lupo: un libro divertente che fa giocare tutta la famiglia. L’ordine alfabetico in cui sono sistemati i versi è uno spunto in più che può aiutare a coinvolgere anche i bambini più grandicelli.

Questo libro ha vinto il Premio Nazionale Nati per Leggere nella Sezione Nascere con i libri (6-18 mesi)

Vedi tutti

Ultimi post inseriti nel Forum

Nessun post ancora inserito nel Forum

I miei scaffali

Le mie ricerche salvate

Non vi sono ricerche pubbliche salvate