I ribelli di giugno
0 1
Libri Moderni

Antonini, Christian

I ribelli di giugno

Abstract: Bordeaux, giugno 1940. Marian è un ragazzino ribelle che diventa amico del Console portoghese Aristides Sousa Mendes, un uomo integerrimo dilaniato da un dubbio: seguire le regole e condannare migliaia di ebrei al giogo nazista oppure violarle e salvare migliaia di sconosciuti rischiando la propria carriera? I due si conoscono durante una partita a scacchi e mentre Aristide scopre l'importanza della disubbidienza, il ragazzo arriva a rischiare in prima persona per fare la cosa giusta: salvare il prossimo. Grazie a Marian il Console firmerà visti per 30.000 persone. Età di lettura: da 10 anni


Titolo e contributi: I ribelli di giugno / Christian Antonini

Pubblicazione: Milano ; Firenze : Giunti, 2019

Descrizione fisica: 206 p. ; 22 cm

ISBN: 9788809876811

Data:2019

Lingua: Italiano (lingua del testo, colonna sonora, ecc.)

Paese: Italia

Nomi: (Autore)

Soggetti:

Classi: 853 NARRATIVA ITALIANA (14)

Dati generali (100)
  • Tipo di data: monografia edita in un solo anno
  • Data di pubblicazione: 2019
  • Target: ragazzi, età 11-15
Testi (105)
  • Genere: saggi

Sono presenti 5 copie, di cui 4 in prestito.

Biblioteca Collocazione Inventario Stato Prestabilità Rientra
Cesano Maderno R 853 ANT C-71905 Su scaffale Prestabile
Seregno NR ANTO 1030-154256 In prestito 30/09/2019
Nova Milanese NR ANT RIB N-42289 In prestito 18/09/2019
Monza Triante R ANT RIB MZ7-386643 In prestito
Verano Brianza NR ANTO 1002-32314 In prestito 09/10/2019
Vedi tutti

Ultime recensioni inserite

Recensione della Redazione di BrianzaBiblioteche Ragazzi:
I ribelli di giugno, porta alla luce una storia che probabilmente non tutti conoscono, una storia vera, fatta di coraggio e responsabilità. Christian Antonini scrive una storia che tocca il cuore, lo fa parlando ai ragazzi, per far comprendere loro che dal passato ci arrivano grandi insegnamenti. L’autore accompagna i giovani lettori verso la consapevolezza di se stessi e del proprio valore. Insegna loro che un uomo e un ragazzino possono fare la differenza nel mondo intero, che prendere una posizione di fronte agli eventi della vita è ciò che ci determina come persone singole e nella società.

Condividi il titolo
Codice da incorporare

Copia e incolla sul tuo sito il codice HTML qui sotto.